Domanda n.16449 del 28-01-2017



Domanda:
BUONASERA, SONO NATA NEL 1993, LIMPIEGATA A TEMPO INDETERMINATO C/O AZIENDA PRIVATA, BUSTA PAGA MEDIAMENTE euro 1.200, OCCUPAZIONE DAL 06.2014.
DAL 11.2016 HO ACCESO UN PRESTITO PERSONALE CON COMPAS DI euro 5.000 PER 30 MESI ALLA RATA DI CIRCA euro 200 AL MESE E FINO AD OGGI HO PAGATO 14 RATE, MI SERVIREBBERO ATTUALMENTE ALTRI 7/8.000 EURO PER MATRIMONIO.
PUO' ESSRCI POSSIBILITA' DI AVERE UN ULTERIORE PRESTITO DA UNA FINANZIARIA?
SONO CORRENTISTA AD UNICREDIT CON STIPENDIO CANALIZZATO DA PIU' DI 2 ANNI, MA LORO MI REPUTANO TROPPO GIOVANE ....
GRAZIE-

(Domanda inserita il 28-01-2017 sulla pagina: Rata e durata di un prestito da 10000 euro)


Risposta:
Gentile Utente,
dai dati che ci trasmette è abbastanza evidente che Lei non può permettersi un secondo prestito (ma una soluzione c'è).
Attualmente Lei paga, e dovrà pagare per ancora più di un anno, una rata di 200 euro mensili, pari al quasi il 17% del Suo reddito.
Una finanziaria generalmente considera che se un cliente ha un debito con rate che "assorbono" il 20%, massimo 25%, del reddito disponibile inizierà ad avere difficoltà, pagare in ritardo, o peggio ancora smetterà di pagare le rate.
Questo è il motivo principale per cui Lei non può ottenere un secondo prestito, più importante del limite legato alla Sua giovane età.
Come detto in apertura, però, una soluzione c'è, ed è la seguente:
Lei dovrebbe richiedere di consolidare il prestito con Compass in un nuovo prestito, presso Compass stessa o qualsiasi altra banca o finanziaria.
Cosa significa questo? Che Lei richiederebbe un prestito pari a 7.000 euro (o 8.000) che è quanto Le occorre più la somma che occorre per estinguere in una unica soluzione il prestito con Compass, che da un calcolo approssimativo dovrebbe essere pari a 2.850 euro. Il nuovo prestito sarebbe quindi di 9.850 euro (o 10.850 euro).
Questo nuovo prestito andrebbe rimborsato da Lei con rata pari ad un massimo, di nuovo, del 20% del Suo stipendio, ossia 240 euro. Il prestito durerebbe quindi 60 mesi, il che ci pare del tutto fattibile dal punto di vista reddituale. Secondo noi l'età non dovrebbe comunque comportare problemi.
Saluti.
La redazione
La risposta inserita e' stata esauriente?   
Si    No



Valutazione dell'articolo
Domanda n.16449 del 28-01-2017

Questo articolo ti è stato utile? Lascia il tuo voto, ci sarà utile per migliorare il servizio.
Voto: Articolo ancora non votato