Posso richiedere un prestito (senza storia credititzia) prima dei trenta giorni dal precedente rifiuto?



Domanda:
Ciao a tutti

Ho 24 anni ed un contratto a tempo indeterminato da un anno e un mese, con un netto di 1400 euro mensili. Essendo già cliente della zucca, ho provato a richiedere un prestito di 4500 euro da estinguere in 60 mesi, ma dopo che il loro agente mi aveva rassicurato più volte sulla fattibilità e la quasi certa approvazione di questo, mi sono visto rifiutare la richiesta in meno di 24 ore. Premetto che non ho nessuna storia creditizia(credenziale che ho scoperto necessaria solo dopo aver fatto la mia richiesta), secondo voi chiedendo il medesimo prestito a F**********, con un garante che è già stato loro cliente per una finanziaria, potrei vedere la mia richiesta accettata? in caso anche senza aspettare i 30 giorni dal rifiuto della zucca?

grazie in anticipo per eventuali pareri e risposte.

(Domanda inserita il 19-02-2017 sulla pagina: Il "Paradosso del primo prestito". Perché la prima volta viene spesso negato?)


Risposta:
Gentile Utente,
nel caso di una richiesta di prestito senza storia creditizia si incontra sempre resistenza da parte della finanziaria e ci stupiamo che il Suo agente non La avesse avvertita in tempo di questo, ma riteniamo avesse le proprie ragioni per sentirsi abbastanza sicuro sull'esito positivo della vicenda.
Ora l'aggiunta di un garante in sede di nuova richiesta è sicuramente un fattore che rende il tutto più fattibile. Nonostante questo è difficile dire come possa evolvere la cosa: visto il Suo reddito e tipo di contratto di lavoro e la dilazione piuttosto lunga (che tiene quindi bassa la rata) e la presenza del garante noi abbiamo modo di pensare che il prestito possa passare. Nel caso peggiore potrebbero imporre di intestare direttamente al garante il contratto e Lei uscirebbe di scena, salvo poi accordarsi privatamente col garante per la restituzione degli importi mensilmente pagati.
Per quanto attiene la possibilità di agire immediatamente con la nuova richiesta, la miglior cosa sarebbe prima accertarsi se la precedente è stata registrata o meno in Crif e questo, senza fare visure, potrebbe chiederlo all'agente stesso. In buona sostanza in certi casi non viene nemmeno avviata l'istruttoria di richiesta quando è palese che non ci sono margini di riuscita; se il Suo agente, nel momento in cui ha caricato la richiesta, ha indicato che era il Suo primo prestito è molto probabile che la cosa si sia fermata lì, con l'interlocutore che ha subito avvertito l'agente stesso che la cosa non era fattibile. In questo caso non c'è alcun periodo di trenta giorni da attendere. Anche il fatto che il prestito sia stato negato così rapidamente ci fa propendere per questa ipotesi.
Se invece c'è la iscrizione in Crif della richiesta negata allora c'è poco da fare: nonostante si parli di richiesta di liberatorie da parte della finanziaria che ha negato il prestito, a noi non risulta poi che la nuova finanziaria eroghi a prescindere dall'iscrizione basandosi su questo tipo di documenti.
Saluti.
La redazione
La risposta inserita e' stata esauriente?   
Si    No



Valutazione dell'articolo
Posso richiedere un prestito (senza storia credititzia) prima dei trenta giorni dal precedente rifiuto?

Questo articolo ti è stato utile? Lascia il tuo voto, ci sarà utile per migliorare il servizio.
Voto: Articolo ancora non votato
---------
La redazione risponde


Domanda posta alla redazione il 01-03-2017:
salve, impiegata di 23 anni con contratto a tempo indeterminato da maggio 2014, stipendio medio 1400,prima richiesta di finanziamento,posso ottenere un prestito di 8000 euro senza nessun garante?
grazie.


Risposta:
Gentile Utente,
generalmente la prima richiesta di prestito crea sempre problemi e si hanno maggiori possibilità di superare l'ostacolo laddove l'importo richiesto sia particolarmente ridotto (1.000 / 2.000 euro). Purtroppo questo non è il Suo caso; sebbene Lei abbia un reddito compatibile con un finanziamento di 8.000 euro ci sembra molto probabile che non riesca a farsi finanziare.
Provi comunque a fare richiesta presso due - tre finanziarie per vedere se riesce nell'impresa (perché di questo si tratta...); potrebbero magari proporLe una cessione del quinto dello stipendio per garantirsi il pagamento delle rate. Perché possano farLe questa proposta occorre però che il Suo datore di lavoro sia una grande azienda, magari meglio se pubblica o statale.
Saluti.
La redazione

----------