Domanda n.7262 del 03/11/2014



Domanda:
Salve,sono una casalinga,ho problemi di salute e sono dopo 7 interventi invalida al 50%,vorrei prendere per poter fare delle cure e fisioterapie adeguate prendere da 5000,00 a 10000,00 euro...e' possibile?
ho come garanzia un automobile intestato a me...al massimo il marito con busta paga a tempo indeterminato ma con problemi come cattivo pagatore...ho delle possibilita'?
grazie
(Domanda inserita il 03-11-2014 sulla pagina: Calcolo importo rata sapendo il capitale)

Risposta:
Gentile Utente,
a nostro modo di vedere, purtroppo, non ha molto margine di manovra. Il perché è presto detto:

- il reddito proveniente da pensione di invalidità non viene preso in considerazione come garanzia per ottenere un prestito, a causa del fatto che, in caso di Sue inadempienze, tale forma di reddito non è pignorabile e quindi, in buona sostanza, se non pagasse le rate la finanziaria non potrebbe fare nulla per rientrare dei propri soldi

- richiedere un prestito senza reddito, a prescindere dalla presenza o meno di garanzie, non è possibile, almeno di non ricorrere al prestito su pegno, impegnando quindi oggetti preziosi

- anche se, come abbiamo detto non servirebbe, accendere una ipoteca sulla macchina per ottenere un prestito è cosa abbastanza improponibile; il prestito con a garanzia una vettura era fatto specie in passato da soggetti poco affidabili e spesso attraverso il ricatto della consegna del libretto dell'auto stessa

L'unica soluzione possibile sarebbe, visto che Suo marito è cattivo pagatore, ricorrere ad una cessione del quinto del Suo stipendio. Bisogna vedere se ci sono i requisiti (anzianità di servizio e azienda di medio grandi dimensioni, preferibilmente pubblica).
Se ci sono questi due presupposti allora il fatto che Suo marito sia cattivo pagatore diventa del tutto ininfluente e, con ogni probabilità, la cifra che Vi serve è alla portata.

Per approfondire i temi trattati in questa risposta può consultare:
- Prestito su pegno
- Prestito con accensione di ipoteca sull'auto. Pregi e, soprattutto, difetti di una forma di credito assai rara
- Cessione del qutino

Saluti.
La redazione

La risposta inserita e' stata esauriente?   
Si    No



Valutazione dell'articolo
Domanda n.7262 del 03/11/2014

Questo articolo ti è stato utile? Lascia il tuo voto, ci sarà utile per migliorare il servizio.
Voto: Articolo ancora non votato