Il garante di un prestito: chiarimenti circa il ruolo di questa figura

Un garante può rendere più accessibile un prestito, a patto che il suo intervento sia una eccezione e non la regola


il garante ed il suo ruolo nella concessione di un prestito Ci giungono spesso in redazione domandE attinenti la possibilità di proporre alla finanziaria una terza persone con ruolo di garante al fine di aumentare le possibilità di ottenere un prestito.
La maggiore fonte di equivoci, che esamineremo nel presente articolo, è il ruolo del garante e la sua modalità di intervento.
Partiamo da una definizione di base: possiamo dire che il garante è colui il quale affianca il debitore principale di un prestito, che ha già fornito altre garanzie alla finanziaria, ed interviene in sua sostiTuzione qualora questi fosse impossibilitato a pagare una o più rate.
Di tale definizione vogliamo sottolineare i seguenti punti:
- il carattere di straordinarietà dell'intervento del garante
- il carattere di accessorietà che ha la figura del garante
Se si capiscono a fondo i due punti appena elencati non si avranno più dubbi su quando e come far intervenire questa figura così richiesta.

Straordinarietà dell'intervento del garante


Poniamo un caso reale: un cliente ottiene da una finanziaria un prestito rimborsabile in 24 rate mensili. Alla settima rata, per sua sfortuna, si trova impossibilitato a pagare per motivi personali. Attraverso una apposita procedura il garante interviene e copre la rata numero sette pagandola lui. Risultato: il debitore principale evita un ritardo o parziale o completa emissione, con conseguente segnalazione in banca dati e l'acquisizione dello status di cattivo pagatore. Passata la fase negativa il debitore principale si rimette in carreggiata e paga le restanti rate senza problemi.
In questo esempio è riportata la caratteristica di straordinarietà: il garante non è la figura che, alla fine dei conti, paga tutte le rate mentre il debitore principale chissà dove sta! Il suo ruolo di sostituto deve essere estemporaneo e, nella maggioranza dei casi, addirittura non esercitato.

Accessorietà della garanzia fornita dalla presenza di un garante


Anche per questo punto presentiamo una ipotesi: io giovane disoccupato vorrei un prestito e chiedo ad una finanziaria l'importo. Per il pagamento delle rate dichiaro di avere delle entrate da piccoli lavori saltuari retribuiti in maniera irregolare (quindi non dimostrabili) ma che mi fruttano un discreto flusso di denaro. In più porto come garante mio padre, lavoratore dipeNdente con ottima retribuzione, nessun prestito in corso. Cosa succederà? La finanziaria rifiuterà di erogare il prestito!
Perché avviene questo? Perché il garante si pone solo ed esclusivamente come garanzia accessoria; la garanzia principale, immancabile, è la presenza di un reddito dimostrabile (e congruo all'importo che si sta richiedendo). Nel nostro caso in ipotesi ecco che la finanziaria, dopo aver negato, proporrebbe, al limite, che il prestito fosse erogato in favore del garante, con la completa uscita di scena dell'altro richiedente.

Seguono alcune delle domande, e relative risposte, in cui il tema è stato più volte trattato:

Domanda posta alla redazione il 03-04-2012:
salve,
lavoro come libero professionista non ho un reddito perché registro ancora a codice fiscale,però ho mio padre che mi farebbe da garante con una busta paga di 930.00 euro mensili a tempo indeterminato è possibile comprarmi una macchina di 20.000 euro???
grazie della risposta!!

Risposta:
La risposta a questo quesito è stata data alla pagina
Domanda n.999 del 03/04/2012
altro esempio:

Domanda posta alla redazione il 07-08-2012:
buonasera sono una casalinga separata con 450 euro mensili,abito con mio figlio e la sua ragazza che hanno entrambi un lavoro a tempo indeterminato!vorrei fare un prestito da 8000 euro e vorrei farlo a nome mio con garante mio figlio o mia nuora,ce qualche agenzia o banca che me lo puo dare?
se si potete indicarmi quale?abito in fvg

Risposta:
La risposta a questo quesito è stata data alla pagina
Rata e durata di un prestito da 10000 euro
ed un altro esempio ancora:

Domanda posta alla redazione il 13-09-2012:
e' possibile chiedere un Prestito senza busta paga? mi servono 20000 euro per aprire un officina meccanica con un amico. i miei genitori hanno contratto indeterminato possono farmi da garante???
grazie

Risposta:
La risposta a questo quesito è stata data alla pagina
Prestito senza busta paga



Potrebbero interessarti:
Il "Paradosso del primo prestito". Perché la prima volta viene spesso negato?
Quanto posso ottenere? L'importo massimo di un prestito, come capire il proprio limite
Valutazione dell'articolo
Il garante di un prestito: chiarimenti circa il ruolo di questa figura

Questo articolo ti è stato utile? Lascia il tuo voto, ci sarà utile per migliorare il servizio.
Voto:4.3 su 5    -    Numero voti: 27
---------
La redazione risponde


Domanda posta alla redazione il 11-12-2017:
Buonasera sono assunto da un anno a tempo indeterminato busta paga da 400euro vorrei chiedere un prestito da 10.000 euro ovviamente avendo un parente come garante con già prestiti alle spalle e risulta sempre buon pagatore con busta paga di 1.100 euro

Risposta:
Gentile Utente,
anche se Lei dispone di un garante con discreta busta paga, il Suo reddito non è idoneo a farLe ottenere un prestito di 10.000 euro.
Saluti.
La redazione

----------


Domanda posta alla redazione il 05-12-2017:
Buongiorno,
potrei chiedere al mio compagno di farmi da garante essendo nullatenente ma titolare di uno studio aperto da quasi un anno?


Risposta:
Gentile Utente,
no, non è possibile perché il garante deve avere un reddito dimostrabile idoneo a sostenere la rata per cui presta la propria garanzia.
Saluti.
La redazione

----------


Domanda posta alla redazione il 30-10-2017:
Anni fa ottenni un prestito con rata da 177euro con poste italiane, all'epoca avevo un contratto a tempo indeterminato, da qualche anno ho perso il lavoro e vado avanti con contatti cococo o surrogati simili, ho chiesto la rinegoziazione della rata, ma senza indeterminato non c'è verso, non ho parenti che possano fare da garanti, come posso fare?

Risposta:
Gentile Utente,
purtroppo aver perso la garanzia del contratto a tempo indeterminato è abbastanza normale che non passi la richiesta di rinegoziazione.
La prova che può fare è richiederla presso una finanziaria diversa da quella dove ha attualmente il prestito; è possibile (non esiste alcun vincolo che la legga alla vecchia finanziaria) e auspicabile, perché la nuova finanziaria, ad esempio, potrebbe essere più flessibile per prendere un nuovo cliente.
Si ricordi che si tratta comunque di prove e le possibilità di riuscita limitate.
Saluti.
La redazione

----------


Domanda posta alla redazione il 14-10-2017:
Un coniuge chiede un prestito personale, gli viene chiesto il garante, che fa fare alla moglie. Al tempo della richiesta erano sposati in comunione dei beni.
Ora sono divorziati.
La banca può far rivalsa sull'altro coniuge?


Risposta:
Gentile Utente,
il garante non è mai sollevato dal Suo ruolo di garanzia a meno che il creditore decida in tal senso.
Il fatto che sia intervenuta la sentenza di divorzio, quindi, non ha alcun effetto sullo stato delle cose relativa al prestito.
Saluti.
La redazione

----------


Domanda posta alla redazione il 26-09-2017:
Buonasera. La firma di un garante di un finanziamento deve essere accettata solo se il soggetto appone personalmente tale firma di fronte ad un impiegato della Finanziaria o si può fare tutto on line senza che il garante si rechi di persona. Insomma, uno può diventare garante a sua insaputa? Grazie

Risposta:
Gentile Utente,
esistono due modi di perfezionare un contratto di prestito online.
Il primo è quello che prevede l'invio del contratto dalla finanziaria al debitore e l'eventuale garante i quali dovranno rispedirlo firmato (analogamente a quanto succede, ad esempio, per i contratti di assicurazione auto o l'apertura di conto corrente online).
Il secondo, disponibile solo presso alcune finanziarie, prevede l'apposizione della firma digitale, per la quale occorre fornire i dati di debitore e garante (documenti anagrafici, iban e numero di cellulare) al fine di ottenere i codici di verifica (OTP) per il completamento della pratica.
In entrambi i casi, dunque, c'è la massima tutela dei dati al fine di evitare furti di personalità che, è bene ricordare, sono un danno per l'eventuale garante oltre che per la finanziaria che non ha un secondo soggetto su cui rivalersi in caso di mancati pagamenti.
Saluti.
La redazione

Si possono consultare le domande precedenti al seguente link:
Il garante di un prestito: chiarimenti circa il ruolo di questa figura - Altre domande e risposte