Finanziamenti nuove imprese di servizi



Tra le agevolazioni previste per l'inizio di una nuova attività troviamo i finanziamenti a nuove imprese di servizi regolati dalla legge 236 del lontano 1993. Tale legge prevede il finanziamento di nuove attività nelle aree territoriali obbiettivo I, ovvero le regioni del meridione d'italia. Per queste zone a economia depressa si tratta quindi di una boccata d'aria per i giovani che decidono di non abbandonare il territorio, migrando verso il nord, e non rivolgersi al mercato del lavoro dipendente, peraltro molto stagnante in quelle aree.

Chi può usufruire dei finanziamenti nuove imprese di servizi


Il requisito anagrafico per queste forme di prestito agevolato è l'età. Infatti possono accedervi soltanto persone di età compresa tra i 18 e i 35 che costituiscano una nuova società. In deroga a questo limite di età c'è la possibilità che l'impresa sia costituita anche da persone di età superiore ai 35 anni purchè i due terzi dei soci abbia una età compresa, questa volta, tra i 18 e 29 anni.
Le forme sociali ammesse sono:
-società in nome collettivo (snc)
-società in accomandita semplice (sas)
-società a responsabilità limitata (srl)
-società per azioni (spa)
-società in accomandita per azioni (sapa)
-cooperative.
Restano fuori quindi:
-ditte individuali
-società di fatto
-società unipersonali
Le regioni parte dell' obbiettivo I, le uniche in cui si può fare domanda, sono:
-Campania
-Basilicata
-Puglia
-Calabria
-Sicilia
-Sardegna
Le aree di attività dovranno delle nuove imprese dovranno essere relative alla fruizione di beni culturali, tutela dell'ambiente, innovazione e tecnologia, turismo.

Destinazione d'uso dei finanziamenti nuove imprese di servizi


I capitali erogati a titolo di finanziamento legge 236 potranno essere utilizzati in tutte le fasi d'impianto della nuova attività, dallo studio di fattibilità, all'acquisto del terreno e la costruzione o ristrutturazione dei capannoni industriali o altri locali, gli allacciamenti e i beni materiali (impianti, attrezzature, etc.) e immateriali (brevetti, licenze).
L'importo massimo erogabile è di 516000 euro, di cui la metà a fondo perduto e l'altra metà attraverso mutui a tassi agevolati.


Valutazione dell'articolo
Finanziamenti nuove imprese di servizi

Questo articolo ti è stato utile? Lascia il tuo voto, ci sarà utile per migliorare il servizio.
Voto:4 su 5    -    Numero voti: 2
---------
La redazione risponde


Domanda posta alla redazione il 21-05-2015:
Nell'ambito dei finanziamento alle nuove imprese di servizi, legge 236/93, avrei bisogno di conoscere il tasso agevolato che eventualmente verrebbe applicato.
Grazie


Risposta:
Gentile Utente,
deve fare riferimento al bando del finanziamento a cui vuole partecipare. Il tasso applicato varia di volta in volta sulla base di svariati fattori.
Saluti.
La redazione

----------


Domanda posta alla redazione il 30-03-2012:
a 53 anni si puo avere il finanziamento?

Risposta:
Gentile Utente,
la legge 236/93 pone come limite massimo di età i 35 anni per i componenti della nuova impresa. Qualora 2/3 abbiano età tra i 18 e i 29 anni allora è permesso alla restante parte di soci di eccedere i 35 anni.
Di conseguenza, nel Suo caso specifico, la presenza di almeno 2 giovani maggiorenni sotto i 29 anni consentirebbe di rientrare nel limite imposto.
Saluti.
La redazione

----------


Domanda posta alla redazione il 19-03-2012:
Salve, vorrei aprire un punto vendita in Franchising delle poste private. Sono una ragazza della provincia di Salerno, ho 31 anni e sono disoccupata! quale ...

Risposta:
La risposta a questo quesito è stata data alla pagina
domanda n.1119 del 19/03/2012