Prestito con contratto a tempo determinato

E' possibile ottenere un prestito con contratto di lavoro a tempo determinato ma con limitazioni su durata e importo erogato. Possono essere richieste garanzie aggiuntive.


prestito con contratto di lavoro a tempo determinato Ottenere un prestito quando si lavora con contratto a tempo determinato non è semplice, gli importi ottenibili sono limitati e spesso vengono richieste garanzie accessorie.
Al di là quindi di fantomatiche quanto favolose offerte pubblicitarie, per riuscire a farsi finanziare con il contratto a tempo determinato bisognerà far quadrare la durata del piano di rimborso con la disponibilità o meno di garanzie accessorie ed infine con un adeguato ragionamento sull'importo che si andrà a richiedere.
E' dunque evidente che tre fattori come quelli indicati (durata, garanzia e importo richiesto sufficiente alle nostre esigneze) non sono semplici da gestire e quindi non aspettiamoci che ogni finanziaria sia lì ad aspettarci come fossimo dei lavoratori dipendenti con contratto a tempo indeterminato, magari nel pubblico, e disposti a fare una cessione del quinto (prestito garantito per eccellenza)!

La durata di un prestito con contratto a tempo determinato

Il primo nodo che affrontiamo è la durata, intesa come numero delle rate e quindi dei mesi che il prestito può durare.
Le finanziarie cercano di erogare con durate che al massimo siano pari alla durata residua del contratto di lavoro. Esempio: si dispone di un contratto di 36 mesi e si è circa a metà; ebbene la finanziaria erogherà al massimo a 18 mesi per cercare di garantirsi la copertura di tutte le rate, considerando che durante questi 18 mesi comunque il debiotre percepirà un reddito.
Questa è la norma generale ma possono esserci delle eccezioni: alcune finanziarie accettano uno sconfinamento oltre il periodo residuo di lavoro, arrivando ad attestarsi anche al doppio.
Nel caso precedente si riuscirebbe ad ottenere un prestito di durata pari a 36 mesi. Nel momento in cui scriviamo questo articolo Fiditalia, ad esempio, fa questo tipo di operazione.
Probabilmente per accedere a questo "sconfinamento" verranno richieste garanzie accessorie, come vedremo paragrafo relativo.
Nel valutare la durata interviene un fattore analogo al quello sempre preso in considerazione per i prestiti per neoassunti (Prestiti per neoassunti, precisazioni necessarie per evitare facili illusioni): per quest'ultima categoria viene richiesta una certa anzianità di servizio, spesso dodici mesi. Ora, se si dispone di un contratto a tempo determinato di dodici mesi appunto ecco che se questo fattore dell'anzianità incidesse in egual misura sarebbe di fatto impossibile ottenere un prestito. Anche qui magari le finanziarie derogano almeno in parte a questo tipo di limitazione, ma è veramente improbabile essere finanziati quando si è stati assunti da meno di 3 - 4 mesi e comunque è bene prepararsi, ancora, alla richiesta di garanzie accessorie.

Importo massimo ottenibile nel prestito con contratto a tempo determinato, difficile andare oltre i 5.000 euro


L'importo massimo ottenibile, in qualsiasi tipo di prestito, è determinato da durata e entità della rata. Per una trattazione completa si legga Quanto posso ottenere? L'importo massimo di un prestito, come capire il proprio limite.
Nel nostro caso quindi avremo una durata abbastanza breve, difficilmente superiore ai 24 mesi.
L'entità della rata dipende dal reddito, e in linea di massima la prima deve essere al massimo pari al 20% del secondo.
Essendo i due fattori variabili non è possibile (ne serio) affermare 'limiti massimi' a cui si può arrivare: ogni richiedente ha il suo stipendio, la sua anzianità di servizio e la sua durata residua.
Generalmente tuttavia si può dire che gli importi siano contenuti al di sotto dei 5.000 euro, come dimostra un calcolo piuttosto grossolano: lo stipendio medio di questo tipo di lavoratori è spesso al di sotto dei 1.000 euro, con una rata massima sostenibile quindi di circa 200 euro. Anche se la durata residua è elevata, ipotiziamo 24 mesi, l'importo massimo ottenibile sarà intorno ai 4.200 - 4.300 euro.

Le garanzie accessorie, la chiave del successo

Visto quanto detto finora appare chiaro che la condizione di chi richiede un prestito con contratto a tempo determinato è di debolezza.
In casi del genere disporre di una garanzia accessoria può veramente fare la differenza, e la garanzia tipica in questi casi è un garante (ne abbiamo parlato qui Il garante di un prestito: chiarimenti circa il ruolo di questa figura).
Questi può permetterci di agire a nostro favore sui limiti finora discussi, ed in particolare:
- la durata, permettendoci di eccedere quella residua del contratto di lavoro, perché la finanziaria ha chi si fa carico delle rate anche nel momento in cui il debitore principale perde il reddito e potrebbe rimanere disoccupato
- la rata contenuta nel 20%, rendendo possibile il raggiungimento di percentuali più elevato (il 25% o più raramente anche il 30%), determinando un importo massimo ottenibile maggiore. Nella realtà delle cose, tuttavia, anche qualora si rimanga entro i termini prima indicati e per cui la figura del garante non occorrebbe, ebbene alcune finanziarie lo impongono comunque per tutelarsi maggiormente. E' un loro diritto ed è quindi prepararsi anche a questa eventualità.


Valutazione dell'articolo
Prestito con contratto a tempo determinato

Questo articolo ti è stato utile? Lascia il tuo voto, ci sarà utile per migliorare il servizio.
Voto:3.6 su 5    -    Numero voti: 5
---------
La redazione risponde


Domanda posta alla redazione il 04-02-2017:
Salve lavoro in outlet Serravalle presso negozio catena haribo da gennaio 2017 con contratto a tempo determinato di 1 anno tramite agenzia ransdat percepisco uno stipendio di 600 euro al mese posso richiedere un prestito di 1500 euro restituibile entro la fine del contratto ??

Risposta:
Gentile Utente,
con uno stipendio di 600 euro la rata massima sostenibile è pari a 120 euro, valore prossimo alla rata da pagare per un prestito di 1.500 euro (135 euro ad un TAEG dell'11%).
Ci sono dunque possibilità che Lei riesca a farsi finanziare nonostante il contratto a tempo determinato.
Non si può escludere che Le richiedano un garante, cosa che sarà quasi certa se Lei si trova a richiedere un prestito per la prima volta nella Sua vita.
Saluti.
La redazione

----------


Domanda posta alla redazione il 19-01-2017:
Ho un contratto semestrale il resto percepisco la naspi posso chiedere un mini prestito di 2000euro

Risposta:
Gentile Utente,
può provare ma la NASpI è un trattamento di tipo assistenziale e come tale non è pignorabile. Ciò determina che, seppur Lei disponga di una forma reddituale, in caso di mancato pagamento di una o più rate la finanziaria non potrebbe recuperare il dovuto; nessun giudice infatti può pignorare un trattamento assistenziale!
A nostro modo di vedere, in virtù di quanto sinora detto, le possibilità sono poche. Forse disponendo di un garante potrebbe migliorare la Sua condizione, ma siamo nel campo delle ipotesi.
Saluti.
La redazione

----------


Domanda posta alla redazione il 10-01-2017:
Salve, lavoro da oltre un anno con la stessa azienda con cotratti mensili.Percepisco circa 1350 euro e vorrei comprare una macchina nuova finanziando circa 23000 euro. Ho un mio amico con contratto indeterminato da circa 18 anni che mi farebbe da garante, e fattibile? Grazie in anticipo

Risposta:
Gentile Utente,
purtroppo con contratti così brevi è impensabile ottenere un finanziamento.
Il loro rinnovo, infatti, è legato ad una consuetudine, ossia Lei può dimostrare che da oltre un anno lavora regolarmente, ma questo, sfortunatamente, non da garanzie alla finanziaria che per un futuro molto lungo (visto l'importo elevato del prestito) Lei sarà poi in grado di pagare le rate.
In un simile contesto anche la presenza del garante non ha utilità: egli infatti deve per definizione intervenire nei rari casi in cui il debitore principale non riesca a far fronte a qualche rata.
Saluti.
La redazione

----------


Domanda posta alla redazione il 29-12-2016:
Salve,lavoro a tempo determinato per circa 6(3 3) mesi l'anno da 18 anni sempre. Percependo circa 2500 euro al mese. Gli altri 6 mesi percepisco l'indennità di disoccupazione. È Possibile per me poter richiedere un prestito di 2500 euro?

Risposta:
Gentile Utente,
si, vale la pena tentare. Nonostante la condizione parzialmente precaria il reddito ci appare sufficiente perché possa ottenere un prestito di importo, tutto sommato, ridotto.
Saluti.
La redazione

----------


Domanda posta alla redazione il 13-11-2016:
Salve avrei bisogno di un prestito di 10000 euro però ho contratto a tempo determinato con rinnovi periodici di circa 6 mesi ogni uno la mia busta paga e di circa 3000 euro e ho 26 anni un po' di tempo fa ho fatto una carta Flex di compass con fido di 3000 euro per l'acquisto di una moto ad oggi compass mi ha inviato un messaggio che il fido della carta e sTato aumentato di 5000 euro rate della carta sempre pagate se mirivolgersi a compass con questi tipi di contratti riuscirei ad avere questi 10000 euro?o avrei problemi?

Risposta:
Gentile Utente,
a nostro avviso 10.000 euro, nonostante la ottima busta paga, sono un importo troppo elevato a fronte di un contratto di lavoro che dura sei mesi. Infatti a prescindere dalla consuetudine del rinnovo nulla può escludere che il rapporto cessi ed in tal caso le rate rimarrebbero scoperte.
Potrebbe tentare di avvalersi di un garante per aumentare le possibilità di riuscita o, se ha del margine e qualora la finanziaria lo proponga, ridurre l'importo richiesto per semplificare le cose.
Saluti.
La redazione

----------


Domanda posta alla redazione il 07-11-2016:
Salve lavoro come cameriera full time con il contratto determinato appena prolungato di un anno.Di stipendio precepisco 1250.Posso richiedere un prestito di 750 restituibili in 6 mesi?

Risposta:
Gentile Utente,
in linea di massima si può affermare che sarebbe possibile, in quanto il Suo reddito da lavoro a contratti a tempo determinato sarebbe sufficiente al pagamento delle rate.
Il limite che ravvediamo è che non conosciamo finanziarie che eroghino prestiti con un periodo di restituzione inferiore ai dodici mesi.
Potrebbe (e sottolineiamo il condizionale) richiedere informazione presso la Sua banca oltre che tentare comunque con una o più finanziarie.
Saluti.
La redazione

----------


Domanda posta alla redazione il 14-10-2016:
SALVE, LAVORO IN FIAT DA 4 MESI HO UN CONTRATTO FINO AL 30 MARZO 2017, PERCEPISCO UNO STIPENDIO TRA 1600-2000 EURO MENSILI POSSO RICHIEDERE UN PRESTITO DI 750 EURO RIMBORSABILI IN 6 MESI...?

Risposta:
Gentile Utente,
si, ne ha titolo.
Saluti.
La redazione