Domanda n.2682 del 28/01/2013



Domanda:
fate prestiti di 20.000 euro x 120 mesi a rate max 250 euro?
(Domanda inserita il 28-01-2013 sulla pagina: Rata e durata di un prestito da 20000 euro)

Risposta:
Gentile Utente,
OttenereUnPrestito.it non eroga prestiti direttamente ma si occupa di informazione finanziaria facendo recensioni di prestiti e carte revolving nonchè rispondendo ai quesiti degli utenti.
Fatta questa debita premessa possiamo rispondere che un prestito come quello che Le servirebbe, ossia 20.000 euro, può essere ottenuto con rate notevolmente più basse del limite che ci comunica, 250 euro, o con piani di rimborso assai più brevi di 120 mesi.
Immagini che attualmente il taeg medio di mercato per questo tipo di prestito personale si aggira sul 12% - 13%. Prendendo in considerazione il tasso più sfavorevole, ovvero 13%, potrebbe ottenere i 20.000 euro con queste soluzioni:

- Soluzione uno: rata al limite maggiore e durata il più breve possibile
Accettando il pagamento di una rata mensile di 250 euro potrebbe ottenere 20.000 euro con un piano di rimborso di 54 mesi (4 anni e mezzo). Va sottolineato che per una rata di questo importo è necessario un reddito netto disponibile di almeno 1.100 - 1.200 euro mensili. Una soluzione così breve, d'altro canto, ha i grande vantaggio di contenere i costi: la cifra complessivamente restituta (capitale più interessi) sarebbe di circa 13.500 euro

- Soluzione due: dilazione il più lunga possibile e rata leggera
Se si puntasse ad un prestito decennale, non sempre di facile reperibilità, per ottenere l'importo che Le serve avrebbe una rata mensile molto più contenuta, con un importo di circa 150 euro. Viene da se che se l'impatto sul Suo bilancio sarebbe molto minore, la quota di interessi, e quindi il costo complessivo del prestito, aumenterebbe notevolmente: dopo 10 anni avrebbe estinto il prestito con un esborso totale di ben 18.000 euro.

"In mezzo" a queste due soluzioni ce ne sono svariate, accorciando o allungando un pò il piano di ammortamento e, conseguentemente, diminuendo o incrementando più o meno marcatamente l'importo della rata.
Saluti.
La redazione

La risposta inserita e' stata esauriente?   
Si    No



Valutazione dell'articolo
Domanda n.2682 del 28/01/2013

Questo articolo ti è stato utile? Lascia il tuo voto, ci sarà utile per migliorare il servizio.
Voto: Articolo ancora non votato
---------

Simulazione del prestito

E' possibile simulare il prestito esposto semplicamente inserendo il TAEG e attivando la funzione 'Simula!'. Muovendo i cursori sarà possibile variare l'importo richiesto o l'importo della rata che si è disposti a pagare per farsi una idea di come cambi l'uno al variare dell'altro.


TAEG praticato Simula!
---------
La redazione risponde


Domanda posta alla redazione il 20-05-2015:
Salve. Sono straniera e ho contratto dal 02/2014 come COLF, mio stipendio netto 1100 compreso 13a ecc. Vorrei chiedere il prestito di 20000 euro per acquistare la casa. Non ho nessun altro finanziamento. Sarebbe possibile ottenere questa somma? O devo aspettare per avere due anni di anzianità lavorativa con questo contratto???
Grazie in anticipo


Risposta:
Gentile Utente,
il problema non è solo quello dell'anzianità di servizio (forse un anno sarebbe comunque sufficiente) ma piuttosto quello del rapporto tra quanto Le serve, ossia 20.000 euro, e quanto guadagna. Il Suo stipendio Le consentirebbe di sostenere una rata di circa 200 - 250 euro e questa cifra non Le consentirebbe di restituire il prestito in un tempo accettabile per la finanziaria.
Saluti.
La redazione

----------


Domanda posta alla redazione il 26-02-2013:
Salve io ho un attività di parrucchiera e con questa crisi prima riuscivo a pagare la rata di 700 euro di finanziamento ora iniziò a fare fatica a pagare perché La gente viene meno e possibile rinegoziare il finanziamento e spendere meno grazie

Risposta:
Gentile Utente,
può senz'altro provare a rivolgersi alla finanziaria dove ha chiesto il prestito in questione, spiegare bene la Sua situazione, e chiedere una rinegoziazione.
E' una operazione vantaggiosa per entrambi:
- Lei potrebbe avere una rata più bassa e adeguata alla nuova situazione
- la finanziaria correrebbe meno rischi di vedersi delle rate insolute.
E' opportuno ricordare anche che, nella rinegoziazione, la finanziaria ci guadagna anche perchè, se la rata si abbassa, si allunga la durata del prestito e aumentano gli interessi pagati dal debitore.
Saluti.
La redazione

----------