Prestito auto con contratto a tempo determinato e un altro in corso, dispongo di un garante, verrà concesso?

Con un contratto a tempo determinato ed un prestito in corso ottenere un ulteriore finanziamento è improbabile. Ma il garante potrebbe agire in maniera diversa dal solito.
Domanda:

finanziamento auto con contratto a tempo determinato, altro prestito in corso e garante
Salve io nel 2019 ho fatto un finanziamento di 5000 euro a 120 al mese, ora dovrei comprare un auto.
La mia domanda dato che sono a contratto determinato ma ho un garante secondo lei mi concedono un altro prestito?

(Domanda inserita il 16-02-2021 sulla pagina: Ottenere un altro prestito mentre se ne ha già uno in corso. E' possibile? (Parte II))


Risposta:
Gentile Utente,
i dati salienti che possono influenzare fortemente la possibilità di essere finanziato o meno sono:

  • Il Suo reddito e quanto Le occorre.

  • La data di stipula del Suo contratto di lavoro e relativa durata.
  • La possibilità di proporre al garante un ruolo diverso, di maggior responsabilità.
I primi due punti porterebbero ad una soluzione di prestito con garante, nel terzo punto invece il garante, solo formalmente, non sarebbe più presente.
Una premessa è d'obbligo:
in assenza di tanti dati che non ci ha indicato dovremo necessariamente fare un discorso generico.
Qui, in sostanza, non sappiamo quanto guadagna Lei, quanto guadagna il garante, a che punto sta col vecchio prestito e nemmeno se deve comprare una vecchia panda usata o una BMW di alta gamma nuova!
E' comunque possibile ragionare sul da farsi indicandoLe varie soluzioni e lasciando poi a Lei di capire se la strada sia percorribile o meno.

Reddito e importo da finanziare, due tessere di un unico mosaico

Quando si richiede un finanziamento la finanziaria calcola la rata che è ragionevolmente sostenibile per il richiedente (Lei).
Questo calcolo è fatto dividendo il reddito mensile per cinque (o per quattro se si ha un garante).
Il valore che viene fuori è la massima rata ammissibile.
Nel Suo caso, tuttavia, Lei già paga i 120 euro del vecchio prestito e questo importo sarà sottratto alla rata massima prima calcolata.
Mettendo dei numeri per semplicità:
se Lei guadagna 1.200 euro al mese ed ha, come ci dice un garante, la rata massima che potrebbe sostenere è di 300 euro.
Da questi andrà sottratta la rata di 120 euro che già paga, lasciando una rimanenza di 180 euro.
Questo a quanto potrà ammontare, al massimo, la Sua rata.

Quanto posso ottenere? L'importo massimo di un prestito, come capire il proprio limite
L'importo massimo ottenibile si determina in base al reddito, alla sua continuità ed al tasso d'interesse applicato al prestito

il contratto di lavoro: quale durata residua?

La durata residua del contratto di lavoro è il secondo dato fondamentale per capire a quanto ammonterebbe il massimo prestito per Lei ammissibile.
Il concetto è questo:
la finanziaria accetterà di finanziarLa solo con un prestito lungo al massimo da qui alla fine del Suo contratto di lavoro attuale.
In presenza di un garante potrebbe essere ammissibile un allungamento di tale periodo, ma nell'ordine di 3 - 4 mesi.
Se il contratto ha, per esempio, ancora 9 mesi di durata, sempre in considerazione del fatto che Lei ha un garante, potrebbe essere finanziato con un piano di rimborso di circa un anno di durata.
Va da sé che, con 180 euro al mese e una durata di dodici rate, l'importo massimo ottenibile è nell'ordine dei 2.000 euro e quindi difficilmente coprirebbe il costo di una auto, seppur di seconda mano.

Prestito con contratto a tempo determinato
E' possibile ottenere un prestito con contratto di lavoro a tempo determinato ma con limitazioni su durata e importo erogato. Possono essere richieste garanzie aggiuntive.

Il garante potrebbe fare uno sforzo e allora le cose cambierebbero

Il garante è una figura che ha una responsabilità molto grande ed infatti la fiducia che egli deve riporre in Lei è altrettanto grande.
Se Lei smettesse di pagare le rate sarebbe lui infatti a sobbarcarsi tutto l'onere del prestito e poi, in futuro, rivalersi su di Lei.
Se Lei ha una persona che è veramente in grado di capire quanto sia un ruolo di responsabilità essere un garante e, nonostante questo, si fidasse così tanto di Lei da volerlo fare comunque, potrebbe provare a proporre al garante di prenderlo Lui il prestito e poi, informalmente, mese dopo mese, Lei gli restituirebbe i soldi della rata.

Il garante di un prestito: i punti fondamentali
Capiamo per bene chi è, cosa fa, quali sono i requisiti che deve avere questa figura. Può chiedere un prestito a sua volta?

Perché fare questo?
Perché in questo modo gli ostacoli prima indicati salterebbero del tutto:
la finanziaria potrebbe erogare ad un tempo maggiore, perché non c'è più il vincolo del contratto di lavoro a tempo determinato.
Inoltre se il garante non avesse altre rate, a differenza di Lei, potrebbe sopportare una rata maggiore.
Sommando prestito più lungo e rata maggiore ecco che si potrebbe ottenere molto di più di quanto indicato prima.

Saluti.
La redazione
La risposta inserita e' stata esauriente?   
Si    No
Pubblicato da: Andrea De Magistris - Aggiornato il 16-02-2021

domanda precedente
<--Nuovo prestito personale con busta paga di 1.300 euro con già un altro finanziamento di 7.000 euro. Quanto si può ottenere?
domanda successiva
Apprendista con contratto di tre anni e prestito di 10.000 euro rifiutato. Come riuscire a farsi finanziare?-->



Valutazione dell'articolo
Prestito auto con contratto a tempo determinato e un altro in corso, dispongo di un garante, verrà concesso?

Questo articolo ti è stato utile? Lascia il tuo voto, ci sarà utile per migliorare il servizio.
Voto:0 (0 / 5)    -    Numero voti: 0 -- Articolo ancora non votato