Prestito con busta paga di 1.700 euro. Importo massimo ottenibile

Vediamo a quanto ammonta il prestito massimo ottenibile con 1.700 euro di reddito ma anche quali fattori possono limitare o addirittura rendere impossibile il finanziamento


prestito con reddito 1700 euro Con 1.700 euro di reddito mensile si ha la possibilità di accedere a finanziamenti con cifre anche importanti, con massimi che possono raggiungere e suprare i 50.000 euro.
E' tuttavia opportuno fare dei distinguo: se un reddito qualificato e sopra la media consente infatti l'ottenimento di queste cifre, le modalità con cui esso viene percepito, quindi mediante quale attività, possono creare sensibili differenza.

A quanto ammonta il massimo finanziamento possibile e quali sono le sue modalità


Come accennato bisogna distinguere se colui il quale richiede il finanziamento è innanzitutto un pensionato o un lavoratore e, in quest'ultimo caso, se è un dipendente oppure un libero professionista o lavoratore autonomo. Inoltre nel caso del dipendente la tipologia di datore di lavoro svolge anch'essa un ruolo fondamentale.
Vediamo i singoli casi:
  • Un pensionato con 1.700 euro di cedolino potrà fare una cessione del quinto con rata pari a 340 euro; se ha una età non oltre i 75 anni circa potrebbe riuscire a fare una decennale, ottenendo cifre prossime ai 26.000 o 28.000 euro. Se l'età è maggiore è difficile avere una cessione così lunga e quindi anche il netto ricavo tenderà a diminuire
  • Un autonomo o un libero professionista non potrà invece ricorrere alla cessione del quinto e quindi non avrà modo di avere un prestito con durata di dieci anni, ma molto più probabilmente il suo limite sarà intorno ai sei o sette anni. L'importo che potrà ottenere andrà dai 18.000 ai 20.000 euro. Se disponesse di un garante potrebbe aggiungere alla cifra appena indicata altri 3 - 4.000 euro.
  • Un lavoratore dipendente di una grande azienda SpA o meglio ancora statale o pubblica potrà fare la cessione del quinto, con un risultato del tutto analogo a quello indicato prima per il pensionato. Vista la solidità del datore di lavoro potrebbe affiancare una seconda cessione del quinto, ossia un Prestito delega, arrivando quasi a raddoppiare il netto ricavo, raggiungendo quindi importi prossimi se non superiori ai 50.000 euro.
  • Invece un dipendente di una medio/piccola impresa privata potrà percorre una strada simile a quella del libero professionista, ossia un comune prestito personale, con gli stessi risultati per quanto concerne la quantità di denaro che riuscirà a portare a casa

Elementi che possono limitare se non rendere impossibile il finanziamento


Passiamo ora ad esaminare, visti i limiti teorici fin qui descritti, i fattori che possono limitare gli importi ottenibili.
Alcuni altri, che vedremo dopo, rendono il finanziamento non fattibile nonostante l'ottimo reddito disponibile.
  1. Fattori limitanti: la presenza di altri debiti, come rate di altri prestiti o mutui o carte di credito, è un potente fattore che limita la possibilità di successo, a meno che non si trovi modo di fare operazioni di consolidamento debiti.
    Il fatto che il finanziamento che si va a richiedere sia il primo in assoluto taglia di molto l'importo ottenibile se si tratta di un prestito personale, mentre per la cessione ciò non avviene.
    Il ruolo di garante, prestato ad amici, parenti o conoscenti, è ulteriore fattore d'indebolimento e limitazione
  2. Fattori bloccanti: anche se si dispone di questi 1.700 euro al mese se si è segnalati in Crif ecco che non si riesce a combinare nulla. La presenza di un debito che ci impegna per 350 o 400 euro al mese, a meno di poter fare la cessione, ci spinge fuori dal mercato del credito.
    Percepire tale reddito ma da poco, diciamo meno di 10 - 12 mesi, fa si che non ci siano i criteri di sicurezza e stabilità del lavoro per la finanziaria che quindi negherà qualsiasi prestito.

Casi di richieste di prestiti e mutui di altri utenti con reddito di 1.700 euro mensili


Dopo aver osservato quali sono gli importi ottenibili, quali requisiti sono richiesti e la mancanza di quali limita o impedisce la richiesta vediamo ora alcuni casi reali di utenti che ci hanno inviato quesiti relativi alla loro posizione.
Qualora vi rimanga qualche perplessità oppure il Vostro caso sia diverso da tutti gli altri potete inviarci la Vostra domanda nell'apposita pagina:Invia la tua domanda.
Se Vi ritrovate invece nelle stesse condizioni potrete avere direttamente la soluzione alle Vostre domande.